ISC Via Ugo Bassi

STREET ART NELLE SCUOLE DELL’Istituto Comprensivo VIA UGO BASSI: Si conclude una vera e propria esperienza estetica a cielo aperto

Print Friendly, PDF & Email

Sono Lucamaleonte, Sea Creative e  Alessio Bolognesi gli  street artists di caratura nazionale, coinvolti nella fase finale del Progetto “Chiamate Arte” realizzato dall’Istituto Comprensivo Via Ugo Bassi, risultato vincitore di un finanziamento previsto dal  Piano Triennale delle Arti promosso dal MIUR.

Gli artisti, invitati e coordinati dall’ideatore e direttore artistico del Progetto  Vedo a Colori, Giulio Vesprini,  nella prima settimana di giugno hanno realizzato  tre murales sul tema della natura nella Scuola dell’infanzia  di Via Ciro Menotti  e di  Via dei Mille, nonché nella Scuola Primaria “A. Garibaldi”.

Negli ultimi giorni del mese di giugno l’artista Giulio Vesprini sarà poi  coinvolto in prima persona nella realizzazione di una delle due parete del lato ovest della  Scuola Secondaria “A. Caro”. 

Si corona così una proficua collaborazione tra l’Istituto Via Ugo Bassi e  il direttore artistico di Vedo a  colori  con  la  finalità  comune di far conoscere la Street Art alle nuove generazioni partendo dalla conoscenza del territorio e dai pregevoli esempi di murales presenti nella nostra città e di  fare esperienza diretta dell’arte contemporanea per arrivare a conoscere, in un percorso a ritroso, l’arte del passato.

Prima dei papiri, delle tele e della stessa carta, sono stati proprio i supporti murari a ospitare le più grandi opere d’arte che il genio umano abbia mai prodotto: da Lascaux a El Cairo, da Pompei alla Firenze dei Medici fino alla Roma dei Papi, la bellezza è sempre stata la complice silente della vita degli uomini. Ma con la Street Art essa è uscita e si è riversata nelle strade, accompagnando l’uomo moderno nei luoghi più insoliti e, spesso, apparentemente più alieni dal concetto stesso di bello. Lo sa bene la città di Civitanova Marche, che con i suoi oltre 2000 mq di murales è oggi una delle città italiane più emblematiche in questo senso.

Grande è stato l’entusiasmo tra i bambini  e le famiglie per questa iniziativa  che ha visto coinvolti alunni di tutte le età ed ha concluso un anno di attività sulla Street Art.  Sono state realizzate uscite didattiche in città nei luoghi interessati da questa forma artistica,  lezioni in classe con i docenti di arte e con l’artista Giulio Vesprini,  laboratori per la progettazione e la realizzazione di murales in spazi comuni interni e un laboratorio di teatro musicale per riflettere sul linguaggio dell’arte di strada.

Il successo del progetto è il risultato di un grande  lavoro di squadra che ha visto tanti protagonisti lavorare accanto  agli alunni e ai docenti dell’Istituto:  la Dirigente Scolastica, Prof.ssa Antonella Marcatili, che ha curato la supervisione delle diverse fasi,  l’insegnante di Arte, Prof.ssa Manuela   Cerolini,   che ha ideato e organizzato  il Progetto “Chiamatemi Arte”, l’Amministrazione Comunale che ha autorizzato la realizzazione dei murales sulle pareti degli edifici scolastici ed ha fornito il necessario  supporto tecnico  e l’artista  Giulio Vesprini  che ha realizzato gli interventi con gli alunni e diretto i lavori della  fase finale del Progetto.

L’auspicio dell’Istituto è quello di poter realizzare altri murales negli edifici scolastici di sua pertinenza.

Il direttore artistico di Vedo a Colori,  Giulio Vesprini esprime soddisfazione per questa proficua collaborazione e a sua volta auspica di poter estendere gli interventi di urban art ad altri Istituti Scolastici di Civitanova Marche,  realizzando così una nuova galleria a cielo aperto, una Vedo a Colori – Street Art a Scuola, dopo il grande successo del Progetto Vedo a Colori- Street Art al Porto.